Symbaroum Le Fronde

Diario di Rak - Incontro al vicolo Serex

Verso le 13.30 arriviamo al vicolo Serex per il misterioso appuntamento. Attendiamo una mezzoretta e in lontananza vediamo 4 figure avvicinarsi. Sintharia, che si trovava distante da noi decide di attaccarli con la magia. Dopo averli uccisi la nostra strega barbara ci dice che l'uomo che abbiamo appena ucciso è Ojan Barami. Prendiamo la tavoletta, insieme a qualche soldo, e torniamo a casa.

Da Silv scopro che la tavoletta di giada, pur trattandosi di un antico reperto di Symbaroum, non ha importanti informazioni: sembra un inventario di un magazzino. Durante la mia analisi un goffo goblin viene a bussarci alla porta affermando che il suo padrone ci desidera, dandoci un appuntamento in Piazza Antica. Silv, per precauzione, decide di assoldare un certo Mork nel caso di bisogno.

Arrivati in Piazza Antica il goblin ci porta alla tesoreria. Giunti al piano di sopra, circondati dalle guardie, un uomo dalla pelle bluasta seduto sulla scrivania inizia a parlarci. Il suo nome è Morphius Edera. Non è la prima volta che lo incontriamo. Chiede di consegnarli la tavoletta. Nonostante i sui modi di fare apparentemente le guardie armate lì intorno non ci davano certo libertà di scelta. Presa la tavoletta la fa distruggere. All'interno di essa si trovava infatti una lastra metallica. Essa non era altro che una mappa.

A questo punto ci propone una missione. Secondo un antica leggenda il Dio antico, corrispondente di Prios, era sceso sulla terra, nella regione di Gaoia. Lì fu costruita una città e un tempio che, sempre secondo le leggende, era interamente di oro massiccio. La mappa porta proprio in questo luogo e il nostro compito è quello di trovare il manufatto di Prios (anche se non sappiamo effettivamente che cosa sia). 

Accettiamo la missione. Ci da 250 talleri per le spese. Abbiamo però solo 4 giorni per recluare gente e partire. Mork, che ci aspettava fuori dalla locanda, ha già accettato (per soli 10 talleri).  Anche konarad, un barbaro molto esperto, ha accettato l'incarico. Inoltre ci ha dato qualche persona da cercare in città.

Mentre eravamo nel "Ovodokar" per parlare con Konarad abbiamo fatto conoscenza di Sirio, il fratello di Tullio. Gli abbiamo parlato della morte di suo fratello e, giustamente, era molto furioso. Speriamo che anche lui si unisca a noi in questa spedizione, potrebbe farci comodo un tipo così

Comments

zixel94 zixel94

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.